Francesco, il Papa argentino tifoso del San Lorenzo de Almagro

papa tifosoL’elezione di Jorge Mario Bergoglio come primo Pontefice sudamericano della storia ha colto tutto il mondo di sorpresa. Cuore argentino e sangue italiano, non stupisce invece venire a conoscenza della grande passione di Papa Francesco per il calcio, passione per altro condivisa con ogni suo connazionale. E forse non è un caso che l’arcivescovo di Buenos Aires faccia il tifo per una squadra che porta il nome di un santo. Sì, perché il nuovo Papa ha una spiccata devozione per il San Lorenzo de Almagro, non il più conosciuto ma di certo uno dei club più forti e blasonati del campionato argentino.

La polisportiva del quartiere Boedo di Buenos Aires venne fondata agli inizi del ‘900 con il nome di Los Forzos de Almagro e solo otto anni dopo prese l’attuale denominazione in onore di Lorenzo Massa, prete salesiano che tolse dalla strada i ragazzi appartenenti al club a seguito di un incidente nel quale rimase coinvolto un giovane, investito da un tram. Giocare per strada diventava sempre più pericoloso a causa del crescente traffico e così il parroco decise di ospitare le partite nel cortile dell’oratorio della sua parrocchia, a patto che i giocatori seguissero la messa ogni domenica.

Potrebbe essere stata proprio la storia della società ad avvicinare Papa Francesco al San Lorenzo, il cui tifo per i colori rossoblu è ampiamente documentato. In occasione del centenario del club (nel 2008) Jorge Mario Bergoglio ricevette in dono una targa commemorativa e una maglia della squadra autografata da tutti i giocatori. L’attuale Pontefice dichiarò inoltre di non essersi perso nemmeno una partita nel 1946, stagione nella quale il San Lorenzo vinse il campionato. Nel 2011, invece, con il San Lorenzo sull’orlo del fallimento, Bergoglio celebrò una messa in onore della squadra e del suo fondatore ma già in passato aveva celebrato numerose funzioni nella cappella del club.

papa tifoso2

Tra le varie notizie riguardanti Jorge Mario Bergoglio e la sua passione per lo sport è spuntata anche una curiosità, documentata da una tessera di appartenenza al club che testimonia una volta di più la devozione del Papa per il San Lorenzo, che nel 2008 gli rilasciò la tessera di socio. Nel giorno dell’elezione a Pontefice il club ha voluto rendergli omaggio attraverso il proprio sito internet definendolo “Papa Cuervo” in riferimento ai “corvi”, appellativo dato ai tifosi del San Lorenzo.

Gabriele Rossetti

“Top of the Popes”, il social quiz in vista dell’elezione del nuovo Papa

top of the popesAncora poche ore e da martedì 12 marzo prenderà ufficialmente il via il conclave nel corso del quale i centoquindici cardinali, riuniti nella Cappella Sistina a Roma, saranno chiamati ad eleggere il successore di Benedetto XVI. “Ma noi utenti della rete siamo preparati sul tema? Siamo pronti per il nuovo Papa?” A porsi il quesito è l’associazione no-profit Push di Palermo che per l’occasione ha lanciato sul web una sorta di “social quiz” pensato e ideato per agevolare gli utenti nella conoscenza dei – è proprio il caso di dirlo – papabili alla prossima guida del Vaticano.

L’esito del conclave non è mai stato tanto incerto come questa volta. Difficile per chiunque accollarsi l’eredità di un Papa dimissionario, a maggior ragione in un periodo durante il quale la Chiesa ha mostrato, volendo usare un eufemismo, poca trasparenza su diversi fronti.

I ragazzi dell’associazione Push hanno dunque voluto provare ad interpretare il conclave dal punto del popolo (quello del web, in questo caso) chiedendosi cosa succederebbe se a votare per il nuovo Papa fossero gli utenti della rete. Da qui nasce l’idea di Top of the Popes, titolo preso in prestito da uno show televisivo musicale famoso in tutto il mondo, attraverso il quale è possibile tracciare il profilo del Papa prescelto in base alle sue caratteristiche, rispondendo a cinque semplici domande (con risposta multipla):

  1. Considerando l’età anagrafica, chi ritieni più adatto a ricoprire il ruolo di Pontefice?
  2. Quale figura consideri maggiormente adatta a rappresentare la chiesa nel mondo?
  3. In che modo il futuro Pontefice dovrebbe relazionarsi con i nuovi media?
  4. Qual è l’immagine che meglio incarna la figura del Santo Padre?
  5. Che posizione dovrebbe assumere il Papa riguardo alle più importanti tematiche del cattolicesimo?

Una volta risposto ai quesiti il computer elaborerà i profili di due futuri papabili; non basta far altro che votarne uno e diffondere il risultato del quiz a tutti gli amici attraverso la condivisione su Facebook. Chissà che anche i cardinali non si facciano influenzare dai social network…

Gabriele Rossetti